Le incredibili avventure delle piante viaggiatrici
0 0
Materiale linguistico moderno

Astafieff, Katia

Le incredibili avventure delle piante viaggiatrici

Abstract: Ogni pianta ha una storia. Il rabarbaro non cresce da sempre nei nostri orti, viene dal cuore della Cina e dal Tibet, e fu scoperto da Simon Pallas, inviato dall'imperatrice Caterina II a esplorare gli angoli più remoti della Russia. Il fiore più grande del mondo, la rafflesia, è una creatura vegetale fuori dal comune che prende il nome da sir Stamford Raffles, fondatore della città di Singapore. La peonia, scoperta nel giardino di un principe asiatico da un botanico eccentrico, Joseph Rock, meriterebbe un romanzo poliziesco. La sequoia della California ci porta nel Far West della corsa all'oro al seguito di Archibald Menzies, esploratore scozzese... Le incredibili avventure delle piante viaggiatrici racconta storie di piante che sono anche storie di cercatori d'oro verde, eroi di epoche passate, nomadi del sapere: il ginseng, la sequoia, l'hevea, il tabacco, le fragole, il rabarbaro, la peonia, il tè, il kiwi, la rafflesia indonesiana. Prefazione di Francis Hallé.


Titolo e contributi: Le incredibili avventure delle piante viaggiatrici / Katia Astafieff ; prefazione di Francis Hallé ; traduzione di Sara Prencipe

Pubblicazione: Torino : Add, 2020

Descrizione fisica: 200 p. ; 21 cm.

ISBN: 9788867832866

Data:2020

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Nomi: (Traduttore)

Soggetti:

Classi: 580.9 PIANTE. STORIA, GEOGRAFIA, PERSONE (21)

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2020
Testi (105)
  • Genere: saggi

Sono presenti 2 copie, di cui 1 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Manciano 580.9 AST INC 3-20317 In prestito 15/07/2022
Grosseto Comunale Chelliana 580.9 ASTK inc 5-126041 Su scaffale Disponibile
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.